Donne e potere

Donne e potere

8 mar 2021
L'8 marzo è un momento per riconoscere e celebrare le lotte e le conquiste delle donne nel corso della storia. Più importante, è un momento per riflet
Parità di rappresentanza

L'8 marzo è un momento per riconoscere e celebrare le lotte e le conquiste delle donne nel corso della storia. Più importante, è un momento per riflettere su dove siamo nel nostro percorso verso l'uguaglianza di genere, scrive la tesoriera di Volt Europa Mihaela Sirițanu. Le donne oggi spesso si rassegnano a conformarsi alle strutture esistenti, senza cambiarle.  Un nuovo approccio per risolvere questo problema sarebbe quello di esplorare il rapporto delle donne con il potere.

La più grande barriera per l'uguaglianza di genere in Europa oggi non è l'opposizione attiva, ma l'inerzia, l'evasione e la negligenza. La continua mancanza della priorità di questa questione è il risultato diretto della sottorappresentazione delle donne in politica. Finché questo continuerà, il potenziale sottovalutato di oltre metà della popolazione mondiale impedirà la realizzazione di un cambiamento profondamente necessario. L'ONU ha indicato il 2030 come l'anno in cui la disuguaglianza di genere finirà. Tuttavia, gli studi mostrano che al ritmo attuale, l'eliminazione della disuguaglianza di genere non sarà possibile per altri 74 anni!

La mancanza di partecipazione delle donne alla politica è stata a lungo oggetto di ricerche approfondite. È ben stabilito che siamo più inclini a soffrire della sindrome dell'impostore e a percepire la scena politica come altamente competitiva, conflittuale e di genere. Forse una nuova prospettiva su questo tema sarebbe quella di esaminare il rapporto delle donne con il potere che è una parte inestricabile della politica. Non solo questo può illuminare questioni che sono importanti per noi stesse, ma può anche evidenziare le trappole e i problemi degli uomini. Inoltre, può portare una nuova comprensione del concetto di potere come lo conosciamo.

Il Dr. Martin Luther King ha definito il potere come "la capacità di raggiungere uno scopo" - e che "se è buono o cattivo dipende dallo scopo". Questa irresistibile parola, tuttavia, è diventata un'etichetta del male nella nostra società, con sfumature che suggeriscono crudeltà, disonestà, egoismo e arroganza. La parola potere è associata al conflitto, alla corruzione e all'immoralità, tanto che le donne trovano il concetto di potere staccato dalla loro identità. Non lo cerchiamo, perché non desideriamo essere associate ad esso. 

Storicamente e culturalmente, le donne hanno utilizzato il potere, la competenza e la capacità al servizio degli altri. Inoltre, siamo state incoraggiate a sperimentare questi bisogni come una definizione predominante, centrale, quasi totale delle nostre personalità. Come tale, ci sono rimaste valide preoccupazioni sull'uso del potere nel modo in cui è attualmente percepito nella nostra società. 

Arrivare a questa conclusione è stato un viaggio per me. Per molto tempo, ho percepito la mia posizione di leader come un servizio e un sostegno per altri leader che si modellavano come visionari. Non sapevo che questo veniva dal condizionamento culturale. Come giovane leader, desideravo ardentemente una squadra, poiché ero pienamente convinta che quello fosse l'unico modo per ottenere un impatto significativo. A quel tempo, non mi rendevo conto che il servizio senza scopo non ha senso, o che avevo il potere di costruire la mia squadra e creare le risorse necessarie per il cambiamento. Oggi capisco che mentre entrambe le mie convinzioni erano vere, non mi ero ancora abituata alla mia posizione di potere, leadership e responsabilità.

La maggior parte delle donne sono profondamente consapevoli della verità essenziale che le persone vivono in comunità, e del conseguente valore di amplificare il potere degli altri sollevandoli. Con questo, la maggior parte delle donne sceglie di essere potente in un modo che dà potere agli altri e aumenta le loro risorse, capacità e abilità di agire. Sosteniamo il concetto di "potere con" piuttosto che "potere su" qualcuno. Allo stesso tempo, è evidentemente tragico che noi donne non ci sentiamo potenti di per sé; che non prendiamo il potere politico quando è, di fatto, disponibile per noi.

Ho dovuto riconoscere che ho il dovere di dire la verità al potere, e di usare il mio quando necessario. Non c'è niente di male nell'accettare il potere e la responsabilità, e per le donne - certamente per me - questa accettazione è stata la base della mia capacità di esercitare il mio potere per fare del bene.

Oggi, quando le donne in posizioni di leadership agiscono con forza e convinzione, rischiano di essere percepite come dirompenti. Di conseguenza, tendono ad adattarsi ai loro contesti, conformandosi così alle strutture esistenti e perpetuando la cultura esistente. Solo quando sarà raggiunta la parità di rappresentanza, la nozione di potere potrà essere trasformata, in quanto le donne cercheranno nuovi modi di negoziare ed esercitare il potere in modi che, allo stesso tempo, aumentino piuttosto che diminuire il potere degli altri. È proprio per questo che noi donne dobbiamo interiorizzare il concetto di potere come parte delle nostre identità e rivendicare il nostro spazio nel panorama politico - in modo da poter distruggere le strutture che non sono state costruite per noi!

Mihaela Sirițanu - Tesoriera, Volt Europa